BONUS IDRICO - fino a 1000€

Qual è la tipologia di intervento
Come si legge sul testo del decreto, per avere diritto al bonus idrico, si devono eseguire interventi di "sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua". 

I casi sono i seguenti: 
- la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti; 
- la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti. 
I sistemi a cui il bonus fa riferimento possono essere necessari per il filtraggio, la mineralizzazione, il raffreddamento e l’addizione di anidride carbonica alimentare.

Quanto vale il bonus e come richiederlo
Le risorse totali sono di 20 milioni di euro e al singolo cittadino spetta un limite massimo di 1.000 euro per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 per ogni abitazione e 5mila euro per immobili adibiti ad attività commerciale o istituzionale. 
Una volta raggiunti i requisiti necessari per poter ricevere il rimborso delle spese, la cifra verrà accreditata direttamente sull’Iban del beneficiario in un’unica soluzione.

Per ottenere il rimborso, bisognerà presentare un'istanza registrandosi su una Piattaforma accessibile del sito del Mite. 
L’identità dei beneficiari (nome, cognome e codice fiscale), sarà accertata attraverso Spid o con la Carta d’Identità Elettronica. 
Oltre alle generalità, bisognerà inserire
- l'importo della spesa sostenuta per cui si richiede il rimborso;
- la quantità del bene e specifiche della posa in opera o installazione;
- le specifiche tecniche, per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, oltre a specifica della portata massima d’acqua (in l/min) del prodotto acquistato;
- l'identificativo catastale dell’immobile (Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella, Subalterno) per cui è stata presentata istanza di rimborso 
- attestazione di non avere usufruito di altre agevolazioni fiscali per le medesime spese.

Fondamentale sarà anche allegare la copia della fattura o della documentazione commerciale.




Richiedi informazioni




Accetto l'informativa sulla privacy










Lo spazio espositivo

Inaugurata nel 2010 all’ingresso di Altamura sulla ss99 che conduce a Matera, la singolare struttura, declinata in ambienti interni ed esterni che si estendono su un’area di 3000 mq, rappresenta una significativa realtà espositiva, espressione di eccellenza nel settore retail del living intimo e del benessere abitativo.
La sala mostra con 564 pannelli sinottici, 60 box espositivi e migliaia di articoli in esposizione, è pensata per far vivere un’esperienza di acquisto unica ed emotivamente coinvolgente.




Prenota il tuo appuntamento

Per aiutarci a soddisfare ogni tua richiesta e offrirti i servizi migliori prenota un appuntamento! Allega la piantina della tua casa, lo schizzo di come vorresti arredare i tuoi spazi, gli appunti sui colori e i materiali che preferisci; saranno informazioni preziose per prepararci al meglio al nostro incontro!

CHIEDI LA DISPONIBILITÀ


Tieniti aggiornato

Rimani sempre aggiornato su tutte le novità in materia di casa! Iscriviti alla Newsletter Quartarella e riceverai suggerimenti e consigli sui nostri prodotti, spunti e idee per i tuoi spazi e tutte le informazioni in anteprima su eventi ed iniziative.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER