Bonus ristrutturazioni e mobili in caso di demolizione e ricostruzione

L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti circa la fruizione delle agevolazioni per recupero del patrimonio edilizio e per Bonus mobili in caso di demolizione e ricostruzione dell’immobile con volumetria inferiore rispetto a quella preesistente. In particolare, le Entrate confermano che le agevolazioni fiscali dei Bonus mobili spettano anche in questa ipotesi, a fronte del fatto che anche gli interventi di demolizione e ricostruzione che non sfruttino l’intera volumetria preesistente, ma ne ricostruiscano soltanto una quota parte rientrano a pieno titolo nella fattispecie della ristrutturazione edilizia.

Bonus mobili

Ricordiamo che il bonus mobili è la detrazione IRPEF al 50% di cui possono beneficiare i contribuenti che fruiscono dell’agevolazione prevista dall’art. 16-bis del TUIR per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, e per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Interventi di recupero edilizio

Per accedere alle agevolazioni fiscali, è necessario che i contribuenti effettuino sugli immobili agevolati gli interventi di recupero del patrimonio edilizio previsti dal “Testo unico dell’edilizia”, tra i quali sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, nonché gli interventi volti al ripristino di edifici, o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, attraverso la loro ricostruzione, purché sia possibile accertarne la preesistente consistenza. Diversamente, gli interventi di trasformazione edilizia e urbanistica del territorio sono definiti “interventi di nuova costruzione” e per questi non spetta la detrazione.

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (di seguito, C.S.L.P.) aveva già espresso in passato l’avviso secondo cui le modifiche apportate alla definizione degli interventi di ristrutturazione consentono di ritenere che i lavori di demolizione e ricostruzione, anche con volumetria inferiore rispetto a quella preesistente, rientrino in questa fattispecie.

Riassumendo: per gli interventi di ristrutturazione edilizia non soggetti ai vincoli, la volumetria dell’edificio preesistente rappresenta lo standard massimo di edificabilità, oggetto il limite massimo di volume edificabile, almeno nei casi in cui la norma non consenta aumenti complessivi della cubatura preesistente.




Richiedi informazioni




Accetto l'informativa sulla privacy










Lo spazio espositivo

Inaugurata nel 2010 all’ingresso di Altamura sulla ss99 che conduce a Matera, la singolare struttura, declinata in ambienti interni ed esterni che si estendono su un’area di 3000 mq, rappresenta una significativa realtà espositiva, espressione di eccellenza nel settore retail del living intimo e del benessere abitativo.
La sala mostra con 564 pannelli sinottici, 60 box espositivi e migliaia di articoli in esposizione, è pensata per far vivere un’esperienza di acquisto unica ed emotivamente coinvolgente.




Prenota il tuo appuntamento

Per aiutarci a soddisfare ogni tua richiesta e offrirti i servizi migliori prenota un appuntamento! Allega la piantina della tua casa, lo schizzo di come vorresti arredare i tuoi spazi, gli appunti sui colori e i materiali che preferisci; saranno informazioni preziose per prepararci al meglio al nostro incontro!

CHIEDI LA DISPONIBILITÀ


Tieniti aggiornato

Rimani sempre aggiornato su tutte le novità in materia di casa! Iscriviti alla Newsletter Quartarella e riceverai suggerimenti e consigli sui nostri prodotti, spunti e idee per i tuoi spazi e tutte le informazioni in anteprima su eventi ed iniziative.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER