Borgo San Gaetano - BERNALDA

BORGO SAN GAETANO il primo caso di ospitalità diffusa del Metapontino

 

Inaugurato ad agosto il primo esempio di Ospitalità Diffusa nel Centro Storico di Bernalda, comune della provincia di Matera a pochi chilometri dalla stessa Città della Cultura 2019 e dalla storica Metaponto, insediamento urbano della Magna Grecia che ospitò Pitagora negli ultimi anni della sua vita.

Dall’abilità e la rinomata bravura dei maestri muratori locali, nascono a Bernalda i più bei palazzi della quinta prospettica di corso Umberto, il decumano, su cui si sviluppa l'abitato dal XVIII al XX secolo: sorgono i palazzi delle famiglie più antiche di Bernalda appartenenti, alla borghesia latifondista lucana, tra questi Palazzo Margherita, più noto ora come il Resort Luxury di Francis Ford Coppola, regista italo-americano originario proprio di Bernalda e, Palazzo Appio gemello del vicino Palazzo Belisario, di cui un’ala fu ampliata dalla famiglia Dell’Osso.

Proprio sull'asse di congiunzione tra i due palazzi Appio e Dell'Osso sorge Borgo San Gaetano, nel piccolo vico di corso Metaponto in prossimità della settecentesca Chiesa di San Gaetano. Il Borgo è un complesso, che ha origine nella prima metà dell' '800, in parte composto dai cosiddetti "casalini" (tipologia abitativa tipica della bassa valle del Basento) annessi all’antico forno Appio, in parte dai locali del vecchio frantoio oleario Dell’Osso, che è stato in origine tra i più noti e grandi del XIX secolo ed allocato in prossimità di altri frantoi, tanto da denominare la stessa via adiacente "strada trappeto" (o “trappito” corrispettivo dialettale di “frantoio”). Le preminenti famiglie bernaldesi latifondiste erano tutte dotate di un proprio frantoio, data l'estensione delle loro proprietà e terre in gestione che coprivano gran parte del Metapontino. Soppresse le attività artigianale, i locali sono rimasti in disuso per decenni, finché di recente l'ultima generazione, sia della Famiglia Dell'Osso che della Famiglia Appio, ha deciso di avviare un programma di riqualificazione e valorizzazione delle loro proprietà, che con la conservazione tipologica degli immobili, unitamente ad un adeguamento funzionale inserisce l'ex frantoio ed i casalini del vecchio forno, in un più complesso progetto di ospitalità diffusa per i centri storici del Metapontino. L'intervento, di riuso compatibile dell'insieme di edifici di “archeologia pseudo-industriali”, per meglio dire artigianale, è stato approntato nel rispetto degli elementi costitutivi e formali che li caratterizzano, prevedendo un modus operandi compatibili alla tipicità e alla materialità degli edifici.

Le strutture sono in muratura mista di mattoni pieni, chianche calcaree e sedimentarie, le coperture a volta in mattoni pieni e a falda in legno dall’orditura semplice sormontata dal manto di copertura in embrici di laterizio. Le lavorazioni di recupero, dirette dall’arch. Franca Digiorgio ad opera dell’Impresa CLAM Costruzioni di Matera, si sono adeguate alle tecniche costruttive ed ai materiali originari, introducendo l’uso di altri materiali, laddove necessari per il consolidamento statico, in modo appropriato - compatibile chimicamente - con quelli esistenti e con le più attente tecniche di bioedilizia. L’intervento eseguito è di risanamento e restauro conservativo, nel rispetto delle caratteriste morfologiche e costruttive dei manufatti tipici dell’architettura locale, ciò nell’intento di elevare la qualità della vita e di offrire un’ospitalità esperenziale. Dopo anni di usura e di trascuratezza gli edifici non sono più in grado di garantire un comfort e una qualità adeguata. L'ambiente in cui viviamo è infatti un fattore fondamentale del nostro benessere, a tal riguardo la scelta di un restauro e un risanamento adeguato è servito ad innalzare la qualità abitativa, migliorando le condizioni igienico-sanitarie e riducendo i consumi di energia, con l’installazione del solare termico a servizio dell’acqua sanitaria ed a supporto dell’impianti idro-termico sottopavimento, integrato da impianti di deumidificazione e trattamento d’aria, che favoriscono il miglioramento del microclima interno. 

Dopo l'attento intervento di recupero con tecniche e materiali di bioedilizia, dagli intonaci a malte biocalce, pavimentazioni in pietre naturali e finiture con microresine naturali, che rafforzano la percezione visiva con quella olfattiva, fresca e profumata, completamente priva di elementi chimici, con l'arredamento si completa con ricercatezza l'allestimento con materiali naturali, dal legno al cotone, alla ceramica ed al ferro battuto. A completare l'intervento di riqualificazione è l'allestimento, meticoloso ed evocativo delle tradizioni artigianali locali, di gusto mediterraneo, caldo, luminoso e dai colori chiari e naturali.

Il progetto di riqualificazione ha determinato la creazione di 20 posti letto in sette unità abitative, che riproducono sensibilmente le tipologie abitative locali, ampi monolocali distribuiti su uno o due livelli interni, che come da tradizione, riportano i servizi nella parte sottostante (servizi igienici, angolo cottura, zona colazione, area conviviale) e la zona notte nell'area soppalcata, collegata da una scala interna. La volta a botte in mattoncini di cotto sovrasta gli ambienti con tutta la sua bellezza e meticolosità costruttiva, mentre nei vari ambienti dell'albergo diffuso, compreso alcune aree comuni destinate all'accoglienza e convivialità è possibile scorgere scorci murari che lasciano intravedere le fasi evolutive della costruzione, oltre che le tecniche adoperate, semplici e dai materiali poveri, tranne che per la ricchezza evocativa dei conci calcarei che si scorgono nella muratura, rivenienti dalla vicina Metaponto. Per ben tre volte distrutta da eventi alluvionali, Metaponto tra l'epoca magnogreca e romana, è stata fonte inestimabile di materiali di recupero che molto spesso troviamo nelle costruzioni locali per realizzare architravi o balconcini aggettanti (carparo e mazzaro).

Gli alloggi si differenziano per dimensione e distribuzione interna degli spazi: le suite di circa 50 mq. allocate nel vecchio frantoio della Famiglia Dell’Osso hanno ambienti voltati in cotto e sono caratterizzate dalla zona notte soppalcata che sormontano i bagni interni completamente rifiniti con ecomalte, mentre i soppalchi in legno sono rifiniti da microresine naturali adoperate realizzando effetti decapati e di naturale usura; i casalini, invece della Famiglia Appio, di circa 40 mq. si sviluppano solo sul livello terraneo ed hanno coperture a volta ed a doppia falda in legno sormontate da embrici in cotto. A completamento del nucleo dei casalini vi è anche un locale con volta a crociera e caminetto originale e funzionante con il sistema composito del doppio tiraggio e nicchiette scaldavivande che arricchiscono la zona living ad uso comune e per la socializzazione degli ospiti. Questa stanza è allestita per l’intrattenimento e corredata di quanto occorrente per la degustazione, in tutta autonomia, delle ricche colazioni offerte a base di prodotti tipici dai gusti e profumi tradizionali locali.     

La caratteristica di Borgo San Gaetano è la compattezza di questo piccolo e rappresentativo nucleo abitativo incastonato nel centro storico che però gode della fruibilità di un suggestivo giardino di vicinato, che consente di vivere in modo suggestivo gli spazi esterni, così come è suggestivo il piccolo vicoletto da cui si accede all’accettazione del borgo, allestito in continuità con gli ambienti interni, dove sono offerti aperitivi o cene all’aperto che rafforzano l’idea di vicinato vivendo un’esperienza che riporta indietro nel tempo.

 

Progettazione e D.L.: arch. Franca Digiorgio

Impresa esecutrice: CLAM Costruzioni srl – Matera

Studio grafico e foto: Never Before Italia srl – Castellana Grotte [BA]

Sito web: www.borgosangaetano.com

BORGO SAN GAETANO Dimore di Charme

Vico Corso Metaponto, 12 - BERNALDA (MT) - TEL. +39 0835 179 00 14 - CELL. +39 345 03 43 671 - reception@borgosangaetano.com




Richiedi informazioni




Accetto l'informativa sulla privacy










Lo spazio espositivo

Inaugurata nel 2010 all’ingresso di Altamura sulla ss99 che conduce a Matera, la singolare struttura, declinata in ambienti interni ed esterni che si estendono su un’area di 3000 mq, rappresenta una significativa realtà espositiva, espressione di eccellenza nel settore retail del living intimo e del benessere abitativo.
La sala mostra con 564 pannelli sinottici, 60 box espositivi e migliaia di articoli in esposizione, è pensata per far vivere un’esperienza di acquisto unica ed emotivamente coinvolgente.




Prenota il tuo appuntamento

Per aiutarci a soddisfare ogni tua richiesta e offrirti i servizi migliori prenota un appuntamento! Allega la piantina della tua casa, lo schizzo di come vorresti arredare i tuoi spazi, gli appunti sui colori e i materiali che preferisci; saranno informazioni preziose per prepararci al meglio al nostro incontro!

CHIEDI LA DISPONIBILITÀ


Tieniti aggiornato

Rimani sempre aggiornato su tutte le novità in materia di casa! Iscriviti alla Newsletter Quartarella e riceverai suggerimenti e consigli sui nostri prodotti, spunti e idee per i tuoi spazi e tutte le informazioni in anteprima su eventi ed iniziative.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER